You are here

Print page

Elicotteri

Elicotteri

In un contesto ancora caratterizzato dalla crisi di alcuni mercati di riferimento, il 2016 mostra un livello di nuovi ordinativi sostanzialmente in linea con il 2015 (escludendo l’effetto negativo del diverso tasso di cambio), beneficiando della buona performance registrata nell’ultimo trimestre che, in linea con le previsioni, ha visto l’acquisizione di importanti contratti sia in ambito militare che civile. I ritardi e le difficoltà commerciali hanno tuttavia condizionato in particolare le produzioni di AW189 e AW139, in un momento peraltro caratterizzato dalle fasi di avvio delle produzioni del nuovo velivolo AW169, determinando una flessione dei risultati economici, pur con una redditività che si conferma su livelli di assoluta eccellenza.

Ordini. Sostanzialmente in linea con il 2015 se si esclude l’effetto negativo del cambio di conversione delle società in valuta diversa dall’euro. Tra le principali acquisizioni dell’anno si citano il contratto firmato con la Direzione Armamenti Aeronautici e Aeronavigabilità del Ministero della Difesa italiano relativo allo sviluppo del nuovo elicottero da esplorazione e scorta (NEES) dell’Esercito, l’ordine dal Ministero della Difesa britannico per la fornitura di servizi di supporto e addestramento per gli elicotteri AW159 Wildcat impiegati dall’Esercito e dalla Marina Militare, i contratti firmati con Sino-US per la fornitura di elicotteri AW119Kx, AW139 e AW169 destinati a compiti di elisoccorso in Cina, gli ordini per la fornitura di elicotteri AW139 da impiegare con compiti governativi in Pakistan e il contratto per la fornitura in Italia di sei elicotteri AW139 alla Guardia di Finanza.

Ricavi. Flessione da ricondurre alle citate difficoltà commerciali e a ritardi negli avanzamenti produttivi sul nuovo velivolo AW169, ora risolti, oltre che alla prevista riduzione delle attività sui programmi AW159/Lynx per il completamento della commessa Wildcat per il MoD UK (Ministry of Defence) e al minor apporto del Product Support.

EBITA. Riduzione sostanzialmente dovuta all’effetto dei minori ricavi, con una redditività che, pur scontando in particolare il prolungarsi delle attività di messa a punto del nuovo velivolo AW169, si conferma solidamente intorno al 12%, beneficiando di una costante attenzione al contenimento dei costi nonché di taluni miglioramenti su programmi militari.

Outlook. In un contesto che, pur mostrando qualche segnale di ripresa, rimane caratterizzato dall’incertezza e dalle difficoltà di alcuni mercati di riferimento, nel 2017 sono attesi volumi di produzione sostanzialmente in linea con quelli del 2016 - supportati da un book-to-bill 2016 superiore a 1 e da una copertura delle attività dal portafoglio ordini intorno al 75% - e una redditività che rimane solidamente in doppia cifra, sui livelli del 2016, beneficiando delle azioni di miglioramento dell’efficienza operativa e del progressivo consolidamento e conseguente entrata a regime delle produzioni del nuovo velivolo AW169.