You are here

Print page

Aeronautica

Aeronautica

L’esercizio 2016 è stato caratterizzato dall’ottima performance commerciale ed in particolare dall’acquisizione a fine giugno 2016 del citato ordine per la fornitura al Ministero della Difesa del Kuwait di 28 velivoli Eurofighter Typhoon. Pur escludendo l’apporto di tale contratto, l’ammontare degli ordini consuntivati al 31 dicembre 2016 è risultato in deciso miglioramento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con maggiori acquisizioni in entrambe le Divisioni.

Dal punto di vista produttivo, nel corso del 2016 sono state effettuate consegne pari a 121 sezioni di fusoliera e 88 stabilizzatori per il programma B787 (nel 2015 consegnate 132 fusoliere e 74 stabilizzatori), e 95 fusoliere ATR (86 nel 2015). Per il programma M-346 sono stati consegnati 7 velivoli all’Aeronautica Militare Italiana ed è stata completata la fornitura ad Israele con la consegna degli ultimi 6 velivoli. Per i velivoli da pattugliamento marittimo ATR 72MP sono stati consegnati i primi 2 all’Aeronautica Militare Italiana.

Sono inoltre proseguite le azioni di miglioramento dei processi industriali e di ottimizzazione delle attività di ingegneria e riduzione dei costi di acquisto e di struttura.

Ordini. Il significativo volume di ordini consuntivato al 31 dicembre 2016, pari a €mil. 10.158 (€mil 1741 al 31 dicembre 2015), include, oltre al citato ordine dal Ministero della Difesa del Kuwait, altri importanti contratti acquisiti sia nella Divisione Aerostrutture sia nella Divisione Velivoli, tra cui si segnalano:

  • per la Divisione Aerostrutture quelli per la fornitura di 100 sezioni di fusoliera per il velivolo B787 e di 80 fusoliere per il velivolo ATR;
  • per la Divisione Velivoli quelli per la fornitura di ulteriori 9 velivoli da addestramento M-346 all’Aeronautica Militare Italiana, quelli per le attività di supporto logistico per i velivoli EFA, C27J e AMX, gli ordini ricevuti da Lockheed Martin per il programma F-35 e quelli per le produzioni di nacelle.

Ricavi. Volumi di attività complessivamente in linea con quanto consuntivato nel 2015; la leggera flessione dei ricavi della Divisione Aerostrutture è compensata dai maggiori volumi della Divisione Velivoli. In particolare:

  • per la Divisione Aerostrutture la riduzione è dovuta alle minori forniture esterne “passanti” per il programma B787 e ai minori rate produttivi A380, in parte compensata dai maggiori volumi per i programmi ATR e Bombardier;
  • per la Divisione Velivoli la crescita riflette l’incremento delle produzioni per i programmi M-346 e F-35 che ha ampiamente compensato la flessione dei ricavi per i velivoli EFA.

EBITA. Incremento riconducibile al miglioramento della performance industriale della Divisione Aerostrutture, mentre la Divisione Velivoli, pur confermando un ottimo livello di redditività, ha risentito del minor contributo dei velivoli da addestramento e da difesa solo in parte compensato dal miglioramento della marginalità dei velivoli C27J.

Outlook. Nel 2017 sono attesi ricavi sostanzialmente in linea con quelli del 2016, con la crescita dei volumi di produzione della Divisione Velivoli correlata al contratto EFA Kuwait che compensa la flessione dei volumi di attività su alcuni programmi della Divisione Aerostrutture, tra i quali si cita l’A380. La redditività nel 2017 si conferma in doppia cifra, supportata da ulteriori azioni di efficientamento industriale volte al progressivo miglioramento della performance della Divisione Aerostrutture nonché alla riduzione dei costi di produzione dei programmi M346 e C27J della Divisione Velivoli, in grado di mitigare il minor contributo di ATR.